L’ALBERE DI NATALE

002

(dedicato al sindaco Pavone Attila e all’assessore all’Ambiente, che dopo l’abbattimento dei pini nel Parco Bixio, vogliono continuare la mattanza in via Colombo, in via Marina e nel Lungomare)

N’albere d’abbéte verde ‘nda nu rache,

ritte e belle’nda nu fuse,

cresciute a lu bosche de la Majelle,

‘ncase di signore s’sarisvejò cunfuse.

Si guarddò attorne a chella case

‘nci mittò tante, capì di botte

di truvarse trapiantate dentre nu vase,

scuppiò a nu piante dirotte.

“Zitte, zitte, nen piagne albere belle”

i fa lu citéle appicciate a la nonne

“Je te facce risplenne chiù di na stelle,

ti facce nu vestite chiù belle de lu monne”.

Di palle culurate rusce, verde, argente e ore

ricuprì la piante a viderle era n’incande.

Di file rilucente da la cima a lu péte

sbrulluccicheve come fusse diamante,

maje s’avé viste a’ccuscì na bella piante.

Lucette culurate a intermittente

brillevene come stelle di lu firmamente,

na stella chiù grosse a forme di cumete,

faceva nu sbiannòre da sopra la cime de l’abbéte.

Lu citéle, soddisfatte de lu lavore,

“Guardete a’ttorne” disse a chella piante,

“A’mmirite te pù arfissjà pe lu splendore,

si cchiù belle tu che nu regnante”.

“Je te ringrazie di tutte l’attenzione”,

je spunnozze l’abbéte a llù guaglione,

“Nen fa pi’mmé l’arie de lu termosifone”,

je so nate pe la libertà eterne

‘nnò pe sta dentra a sta prigione”.

Mentre si dispere, piagne e si lagne,

arpenze a l’aria fresche di mundagne,

la luna n’cìle, li notte fridde e cupe,

ripenze a lu bilate de li pecùre,

e l’ululate lugubre de li lupe,

ripense e sogne la bella primavere,

li cante triste de li pasture

e li gurghigge de li capinere,

e lu cande de lu talasce quanne è sere.

“Nghe stu sugne e la spiranze ‘ncòre,

nu triste jurne, appasisce e ‘mmòre.

Chi sa, se dope st’avventure……….

‘llù citéle a’mbarate a rispettà la nature?

Chi sa, dope che je na successe tante

a’vrà ‘mbarate a rispettà li piante?

– dal libro “Frunne di rose” del poeta dialettale rosetano Francesco Di Bonaventura –

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorised. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.