Dedicata a Franco Sbrolla e Fernando Di Marcoberardino e alle loro battaglie ambientaliste

“I miei occhi hanno visto” vasti prati, che il gelo dell’alba copriva di candida brina,

–  contorti coni di ghiaccio sospesi tra coppi e gronde zincate,

–  merli intirizziti dal freddo “rubare” il tepore di camini fumanti.

–  I miei occhi hanno visto  Bambini chiassosi, giocare a “campana” dietro la vecchia cascina,

–  donne che portavano l’acqua in conche di rame cesellate,

–  gente far fila al fontanile per placare l’arsura di estati soffocanti.

–  I miei occhi hanno visto il venditore di santini e il suo “altarino” di legno per vetrina,

–  il mulo legato, il muso nel sacco, ruminar erbette seccate,

–  il suo padrone, in cantina, in un lieto libar tra carte, vino e canti.

–  I miei occhi hanno visto il vecchio dal viso scavato dal sale, “rimacciar” le reti in banchina,

–  il mare dall’onde spumose che al calare del vento son solo placate,

–  i carretti con ruote sbilenche e cesti di pesci ancora guizzanti.

I miei occhi hanno visto molte cose, troppe sono solo ricordi ma … LASCIATEMI :

– Il verde intenso e trasparente dell’acqua del mio mare,

–  il profumo della risacca dopo la grande mareggiata,

–  la poesia delle notti illuminate da lontane lampare,

–  il “rumore” dei nostri passi sulla spiaggia bagnata,

–  lo stupore per le corse a ritroso dei piccoli, timidi granchi,

–  l’incanto della finissima, morbida sabbia spazzata dal vento,

–  lo spettacolo del volo planato di bianchi gabbiani, mai stanchi,

–  le morbide dune, gl’irti calanchi, le dolci colline sottratte al cemento .

                                                                                                                         Mario Mazzoni

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorised. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.